Notizie

Castello di Paderna

SABATO 14 E DOMENICA 15 MAGGIO: NUOVI EVENTI NEI CASTELLI DEL DUCATO

Vivi esperienze uniche nei favolosi Castelli del Ducato e le Dimore Storiche Cremonesi tra Emilia, Lombardia e Lunigiana

Castello di Paderna (PC)
I FRUTTI DEL CASTELLO SPECIALE GIARDINI
Sabato 14 e domenica 15 maggio 2022
Fiori, Piante, Arredi, idee per il tuo giardino. Possibilità di fare pic-nic stile dejeuneur sur l'herbe, vegetariano o tipico Food Valley, o scegliere la ristorazione emiliana nei fienili del Castello comodamente seduti ai tavoli. Visitatori con amici a 4 zampe benvenuti.
Calle, rose, ortensie, petunie, fiori di ciliegio, primule e violette, glicine ed è già flowertherapy, perché prendersi cura di piante e giardini fa bene all'anima e al cuore! 60 selezionatissimi espositori di giardinaggio, arredi da giardino, attrezzi per il gardening sono i grandi protagonisti della nuova versione primaverile della rassegna di florovivaismo I Frutti del Castello, in programma sabato 14 e domenica 15 maggio 2022 dalle ore 9 alle ore 19, nei prati che circondano il Castello di Paderna a Pontenure, in provincia di Piacenza, nel circuito Castelli del Ducato.
In attesa della più grande e famosa edizione autunnale, confermata come sempre il primo weekend di ottobre, l'edizione maggiolina sarà dedicata a fiori, piante, arredi ed idee colorate per giardini, terrazzi, balconi in vista di preparare case di città e dimore di campagna per la stagione estiva dove godere il bel tempo in tavolini all'aperto, picnic tra aiuole curate, in relax tra siepi e fontane. Il Castello di Paderna si conferma uno straordinario regno della biodiversità, vocazione maturata negli anni, nel rispetto dei ritmi slow della corte agricola.
E' prevista la possibilità di fare il pic-nic, stile dejeuneur sur l'herbe, oppure scegliere la ristorazione tutta emiliana nei fienili del Castello comodamente seduti ai tavoli. Ci saranno cestini sia stile vegeteriano sia in omaggio all'enogastronomia tipica del territorio. Gli spaziosi cortili all'interno del Castello non saranno dunque allestiti con gli stand ma verranno utilizzati per conferenze e talk con giardinieri professionisti, permettere le conversazioni comode tra le persone per trascorrere belle giornate in compagnia e godere appieno del servizio di colazione, caffetteria e spuntineria.
Come si pota una rosa? Come fare crescere il prato come piace a te? Come abbinare diverse specie floreali per rendere unico il tuo giardino? A queste e molte altre domande risponderanno i giardinieri che troverai al Castello di Paderna.
Biglietto di ingresso: € 8.00
Gratuito per bambini fino ai 12 anni e disabili non autosufficienti
I visitatori della manifestazione potranno disporre di:
Ampi parcheggi
Punto ristoro e caffetteria
Area deposito merci acquistate
Per maggiori informazioni: info@castellidelducato.it

Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR)
MUSICA ANTICA - NUOVE EMOZIONI IN ROCCA
TOUR AL CASTELLO CON MINI CONCERTO DEL CLAVICEMBALO RESTAURATO FINALE

Sabato 14 maggio 2022 dalle 17 alle 18.15
La voce della guida del Castello si accorda alla voce profonda, nella ricchezza di armonici e bassi, dell'antico clavicembalo seicentesco restaurato. Sabato 14 maggio 2022 dalle 17 alle 18.15 è in programma – su prenotazione obbligatoria a rocca@fontanellato.org – il tour alla Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR) emoziona e si arricchisce di una chicca unica: il mini concerto dello strumento musicale di grande fascino che farà risuonare le stanze del maniero come al tempo di Alessandro Sanvitale e di sua moglie Margherita Rossi, come al tempo di suo fratello Federico Sanvitale che fece commissionare la meravigliosa Sacrestia Lignea intarsiata della Chiesa di Santa Croce. Maggio 2022 si apre con un nuovo progetto dell'A.t.i. che gestisce il Museo Rocca Sanvitale: una rosa di visite guidate tematiche “Musica Antica – Nuove Emozioni in Rocca” dove periodicamente il tour verterà oltre che sulla storia del castello, anche sullo speciale rapporto dei Conti Sanvitale con la musica. Il clavicembalo seicentesco è stato restaurato a fine 2021 dal Comune di Fontanellato, con la collaborazione del Museo Rocca Sanvitale che ha attivato una raccolta fondi di grande successo tra i turisti, oltre al significativo contributo della Famiglia pavese Farina in memoria di Edoardo Farina 1939 - 2018) clavicembalista e compositore affermato in tutto il mondo e al contributo della Fondazione Cariparma. Costo tour guidato con concerto: 15 Euro
Informazioni e prenotazioni: info@castellidelducato.it

Mastio e Borgo di Vigoleno (PC)
VIGOLENO: I MERCATINI DELLE MERAVIGLIE
Nel Borgo di Vigoleno opere dell’ingegno creativo, interamente fatte a mano dai numerosi artigiani ed espositori creativi
Domenica 5 giugno dalle 10 alle 18
Nelle giornate indicate il borgo ospiterà gli espositori, artigiani che cambieranno e in base alle stagioni
proporranno le loro opere sempre nuove e diverse
Parcheggi Vicini: intorno al Borgo
info@castellidelducato.it

Sulla via Francigena lungo la storia di Borgo S. Donnino - Fidenza (PR)
FARNESIAMO - FIDENZA AL TEMPO DEI FARNESE: VISITA GUIDATA PER BAMBINI
Visita guidata per bambini tra i palazzi e le vie storiche di Fidenza
Sabato 14 maggio, ore 15.45
Comune di Fidenza con l’Ordine degli Architetti PPC di Parma e Verd&Acque propongono un appuntamento dedicato ai bambini a Parma e a Fidenza, unite sotto il segno della famiglia Farnese.
In occasione della mostra “I FARNESE. Architettura, Arte, Potere” in corso nel Complesso Monumentale della Pilotta dal 18 marzo al 31 luglio 2022, l’Ordine degli Architetti PPC di Parma e Verd&Acque organizzano una serie di visite guidate dedicate ai bambini, dagli 8 anni, unendo così le città di Parma e Fidenza sotto il segno della famiglia Farnese.
La fondazione del Ducato di Parma e Piacenza, guidato dalla potente famiglia Farnese, ha portato Borgo San Donnino a mutare lentamente il suo volto. Passeggiando tra le vie principali della città e osservando chiese e palazzi, sorti tra ‘600 e ‘700, ripercorreremo insieme il tempo dei Duchi a Fidenza: presenza, influenza e segni. Il tutto, ovviamente, a portata di bambino!
Info generali e costi
Adulti: € 8,00
Bambini: € 5,00
Promo: Visita guidata mostra FARNESE a Parma + Fidenza al tempo dei Farnese per 1 adulto accompagnatore + 1 bambino a € 22,00 (anziché € 26,00)
La visita guidata è consigliata per bambini a partire da 8 anni. La visita guidata sarà confermata con un numero minimo di 12 partecipanti paganti.
La durata sarà di un’ora e mezza circa.
Info e prenotazioni: info@castellidelducato.it

Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR)
MERCATINO DELL'ANTIQUARIATO
Domenica 15 maggio dalle 8 alle 18.30
Trovi a Fontanellato il mercatino dell’antiquariato in piazza, vie e portici del centro storico: si qualifica con oggettistica di spessore storico e d’arte e con specifici banchi di espositori attorno alla Rocca Sanvitale e lungo i portici. Si tratta di uno dei più importanti e qualificati mercati del nord Italia, da vent’anni presente nel circuito consolidato delle mostre-mercato d’antiquariato. Gli espositori propongono tutto ciò che può affascinare un appassionato di antichità o di modernariato. Tra gli oggetti più ricercati statuine stile vecchia Parigi, pezzi unici Limoges, ceramiche di fine Ottocento e pezzi Belle Epoque del primo Novecento, stampe da collezione che rappresentano serie di città d’arte care al Gran Tour di fine Settecento. E ancora tutto ciò che può affascinare un appassionato di antichità o di modernariato: mobili, dipinti, giocattoli, orologi, strumenti ottici, radio; argenti, gioielli e preziosi, libri, stampe, monete, vecchie riviste, ferri, chiavi da collezione, biancheria antica e persino arredi per navi, oggetti d’arte sacra. Interessante poi, per la varietà e l’offerta, il settore del modernariato con oggetti di vario genere, in primo luogo divani e tavolini. Accesso gratuito al Mercatino. Possibilità di visitare la Rocca Sanvitale con visite guidate: ingresso a pagamento in Castello.
Informazioni: info@castellidelducato.it

Castello di Gropparello (PC)
PARCO DELLE FIABE - CASTELLO DI GROPPARELLO
Domenica 15 maggio e ogni domenica fino al 21 novembre
Il Parco delle Fiabe è il primo parco emotivo in Italia, dove è possibile vivere una magica esperienza fuori dal tempo, immersi in uno scenario naturale di rocce millenarie e alberi secolari.
In provincia di Piacenza, nel circuito Castelli del Ducato, il Parco delle Fiabe - Primo Parco Emotivo d'Italia accoglie gli ospiti, accompagnati da guide in costume lungo il percorso. I ragazzi vengono coinvolti nell’immaginario fiabesco del medioevo del popolo minuto, le cui radici affondano in realtà remote che si perdono nella notte dei tempi. I ragazzi vivranno anche una fantastica ed entusiasmante avventura insieme ai personaggi del bosco! Cavalier Guglielmo nomina i valorosi giovani Cavalieri dopo la battaglia nel bosco contro Orchi e Streghe.
Tra il folto degli alberi del secolare parco intorno al castello, sono stati creati: la capanna della terribile strega e l’antro dell’orco; e i bambini, che verranno messi in costume medioevale e nominati “cavalieri del parco di Gropparello”, potranno addentrarsi in questo scenario incantato, accompagnati da valorosi cavalieri, e vivere meravigliose avventure con qualche...brivido, incontrando la strega, l’orco, il folletto, la fata, in...carne e ossa, e con tutta la loro carica di cattiveria o di bontà.
“Lungo il percorso magico nel bosco, guardando ancora verso uno scorcio di mura merlate del castello, all’improvviso si incontrano cavalieri, fate e folletti. Ma cosa succede ai pellegrini che si inoltrano in questo luogo? Come per incanto, tutti i pensieri fantastici che si erano affacciati alla mente durante la visita al castello o nei camminamenti di ronda si materializzano… e come per incanto tutti i sorrisi, le ansie e le paure dell’Uomo Medievale entrano realmente nella vita di ciascun “pellegrino” in visita.
Resta aperto fino al 21 Novembre, ogni domenica e nei giorni infrasettimanali solo per gruppi su prenotazione.
Orario di biglietteria, dalle 10:00 alle 15:30, con accesso secondo l'orario del biglietto acquistato.
Costo del biglietto
ADULTI € 24,00
BAMBINI € 20,00
disabili non autosufficienti gratuito
Tempo di permanenza medio 6 ore, includendo i momenti di pausa e la pausa pranzo.
Informazioni e prenotazione: info@castellidelducato.it www.castellidelducato.it

Borgo Fortificato Medievale di Vigoleno (PC)
IN TOUR SUL SENTIERO DEI BRIGANTI
Sabato 14 e domenica 15 maggio
Tutti i sabati e le domeniche di maggio 2022.

Due passi super panoramici attorno al Borgo Medievale di Vigoleno sull’Appennino Piacentino, nel circuito Castelli del Ducato: scegliete una limpida giornata di sole e, dopo avere visitato il paese ed essere saliti sull'alto Mastio per andare alla scoperta del Sentiero dei Briganti che collega il Castello di Vigoleno con il capoluogo Vernasca. E inserite nel vostro percorso la salita al Mastio del Borgo Fortificato di Vigoleno. Vi aspettano 8-9 chilometri sul profilo collinare che separa la vallata del torrente Stirone e quella dell’Ongina in Val d’Arda. Il giro completo del Sentiero dei Briganti è circa 23 chilometri.
Informazioni e richieste: info@castellidelducato.it

Castello di Gropparello (PC)
TOUR ALLE GOLE DEL VEZZENO LUNGO GLI ANTICHI CAMMINAMENTI DI RONDA
Tutti i sabati e le domeniche su prenotazione da maggio a novembre 2022.

Un canyon in Emilia Romagna tra ligustri bianchi, pini marittimi, aceri imperiali? Lo potete scoprire, con entusiasmo e comode scarpe da ginnastica ai piedi in Appennino, in un percorso guidato nella natura, lungo un magico sentiero in mezzo al bosco ascoltando storie di alberi e natura, di antichissimi fossili, di elfi, streghe e druidi, di vicende storiche e assalti combattuti proprio lungo il camminamento di ronda. Le scarpe giuste sono il must have per affrontare la meravigliosa escursione alle Gole del Vezzeno nel grande parco del Castello di Gropparello, nel circuito Castelli del Ducato, alla ricerca di una vegetazione spontanea di grandissimo interesse botanico. L'itinerario guidato alle Gole del Vezzeno, dal nome del corso d'acqua che attraversa le rocce ofiolitiche e segna intensamente il paesaggio, inizia proprio all'entrata del Castello di Gropparello, che diventa il punto di partenza di un percorso naturalistico lungo gli antichi sentieri di ronda, che dalla rocca fortificata del castello conducono al fondo del dirupo, dove scorre il torrente Vezzeno.
Come ti vesti: è importante vestirsi adeguatamente alla stagione, portare sempre un cappellino e un impermeabile per sicurezza. Pur avendo il percorso un basso grado di difficoltà, si consigliano scarponcini da montagna, o scarpe da ginnastica non a suola liscia, abiti comodi adatti ad un’escursione, binocoli, ed eventualmente bussola e macchina fotografica. In caso di maltempo giacca antipioggia. Il giro alle Gole del Vezzeno dura circa un'ora e mezza.
Al termine potete prenotare il vostro pranzo o la vostra merenda pomeridiana alla Taverna Medievale del Castello di Gropparello. Il tour e le degustazioni rispettano le normative sanitarie in materia di protezione e sicurezza, per evitare il contagio del virus Covid-19. Costo del tour a persona da 22,50 €
La passeggiata non è adatta a persone con mobilità ridotta.
Prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

Ponte dell'Olio e Val Nure (PC)
OUTDOOR IN VAL NURE DA PONTE DELL'OLIO AL CASTELLO DI GAMBARO
Dal territorio di Ponte dell’Olio in provincia di Piacenza – entrato a fare parte proprio dal 2022 del circuito Castelli del Ducato - comincia quello che è oggi definito “il più grande comprensorio dedicato agli sport outdoor” che vanta 560 km di sentieri (da percorrere a piedi, a cavallo o in mountain bike) tracciati nei territori da Ponte dell’Olio a Ferriere dove spicca il Castello Malaspina di Gambaro: qui sul crinale d'Appennino potrete pernottare nella roccaforte e partire per meraviglise escursioni in Alta Val Nure accompagnati o dal proprietario della roccaforte o da guida escursionistica ambientale. Informazioni e richieste: info@castellidelducato.it

PALAZZO CALCIATI CROTTI (CR)
APERTURA STRAORDINARIA DELLA DIMORA NOBILIARE
Domenica 15 maggio ore 15.00 e ore 16.30
Località: Cremona, Via Palestro 1
Antica dimora nobiliare sorta tra il 1763 e il 1766 su commissione del nobile Conte Cesare Crotti per celebrare l'importanza del casato cremonese. All'interno il monumentale scalone d'onore conduce negli appartamenti nobili, affrescati e decorati con magnificenza da artisti cremonesi del Settecento; un tripudio di arredi antichi, opere d'arte, cimeli di famiglia appartenuti ai casati Crotti e Calciati e tramandati per
generazioni sino ad oggi. Aperto su prenotazione in altri giorni e orari per tutto l’anno.
Ingressi:
Adulti: € 15.00
Bambini 6-12 anni: € 10.00
Bambini fino a 6 anni: gratuito
Scolaresche: € 10.00
Notturni a palazzo adulti: € 20.00
Notturni a palazzo bambini fino 14 anni: € 15.00
 
PALAZZO GUAZZONI ZACCARIA (CR)
APERTURA STRAORDINARIA DELLA DIMORA NOBILIARE
Sabato 14 maggio ore 15.00 e ore 16.30
Località: Cremona, Corso Vacchelli 60
Il Palazzo, che affonda le sue origini nel XV secolo, è situato ai margini dell’antica cerchia muraria cittadina
e fu per secoli dimora cittadina delle nobili famiglie Guazzoni e Zaccaria. L’elegante e suggestivo cortile
porticato in stile bramantesco, gli ambienti e le sale interne delle varie ali del palazzo stesso, presentano una
straordinaria e rara stratificazione storica ed artistica con elementi architettonici e decorativi che coprono
oltre 500 anni di storia cremonese, facendone un unicum nella città di Cremona, maggiormente valorizzato
dopo il lungo recente restauro. Il palazzo è aperto alle visite e allestito come location per eventi. Al suo
interno è possibile visitare una importante maison di alta moda rinomata a livello internazionale.
Aperto su prenotazione in altri giorni e orari per tutto l’anno
Ingressi:
Adulti: € 15.00
Bambini 6-12 anni: € 10.00
Bambini fino a 6 anni: gratuito
Scolaresche: € 10.00
Notturni a palazzo adulti: € 20.00
Notturni a palazzo bambini fino 14 anni: € 15.00
CASTELLO MINA DELLA SCALA (CR)
APERTURA STRAORDINARIA DELLA DIMORA NOBILIARE
Domenica 15 maggio visite guidate alle ore 15.00 e 16.30
Località: Casteldidone, Via Montale 6 (30 Km da Cremona)
Storico maniero edificato alla fine del XVI secolo, situato sul confine tra il territorio cremonese e quello mantovano, fu antica residenza estiva della nobile famiglia Schizzi. Il Castello conserva ancora oggi fascino e suggestioni di un’altra epoca: il grande cortile d’onore, gli ambienti interni affrescati ed arredati con opere d’arte, mobili, dipinti, porcellane e antichi cimeli di famiglia. E’ uno dei più significativi e rari esempi di antica residenza nobiliare, nel territorio cremonese, tuttora stabilmente abitata e conservata dai suoi proprietari, i Conti Persico Licer.
Ingressi:
Adulti: € 12.00
Bambini 6-12 anni: € 10.00
Bambini fino a 6 anni: gratuito
Scolaresche: € 10.00
PALAZZO TERNI DE GREGORY (CR)
APERTURA STRAORDINARIA DELLA DIMORA NOBILIARE
Domenica 15 maggio ore 14.30 – 16.00 – 17.30
Località: Crema, Via Dante Alighieri 20-22 (40 Km da Cremona)
Situato nel cuore del centro storico di Crema, il palazzo è ancora oggi una delle più significative dimore settecentesche della città, eretto a partire dal 1711 in stile barocchetto per volontà del conte Nicolò Maria Bondenti su progetto di Giuseppe Cozzi, venne lasciato incompiuto nella parte destra, che lo caratterizza ancora oggi. Al centro del portico è collocato lo scalone d’onore che dà accesso al piano nobile, i cui interni sono decorati da un ricco complesso di affreschi del XVIII secolo. Il palazzo è ora custodito dai suoi proprietari, i nobili Terni de Gregory.
Ingressi:
Adulti: € 15.00
Bambini 6-12 anni: € 10.00
Bambini fino a 6 anni: gratuito
Scolaresche: € 10.00
Notturni a palazzo adulti: € 20.00
Notturni a palazzo bambini fino 14 anni: € 15.00
 
PALAZZO ZURLA DE POLI (CR)
APERTURA STRAORDINARIA ALLA DIMORA NOBILIARE
domenica 15 maggio ore 14.30 – 16.00
Località: Crema, Via Tadini 2 (40 Km da Cremona)
Edificato nel 1520 dal nobile Leonardo Zurla sulle fondamenta di un torrione medievale, Palazzo Zurla De
Poli è un esempio di villa di caccia dai canoni cinquecenteschi lombardi, nella stagione del dominio della
Serenissima sulla città di Crema. Lo sfarzo degli ambienti si sprigiona nel solenne Salone d’Onore,
affrescato con scene ispirate a Le Metamorfosi di Apuleio, e le tre sale attigue del piano nobile, decorate con
cicli pittorici di importanti artisti lombardi del tempo. La Famiglia De Poli, proprietaria della dimora, custodisce
con passione e amore il palazzo, rinato dopo un lungo recente restauro.
Ingressi:
Adulti: € 10.00
Bambini fino a 12 anni: gratuito
Notturni a palazzo adulti: € 20.00
Notturni a palazzo bambini fino 14 anni: € 15.00
 
ARTE - MOSTRE IN CORSO
 

Museo del Bijou di Casalmaggiore (CR)
VETRO. GIOIELLI ITALIANI TRA ’800 E ‘900
Una splendida mostra di gioielli realizzati in vetro, curata da Bianca Cappello e Augusto Panini, per celebrare l’Anno internazionale del vetro. In corso fino a domenica 9 ottobre
Dal martedì al sabato: dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00; domenica e festivi: dalle 15,00 alle 19,00
Nell’anno in cui si celebra nel mondo il ruolo “tecnologico, scientifico, economico, ambientale, storico e artistico del vetro nella nostra società”, il Museo del Bijou di Casalmaggiore propone la mostra “VETRO. Gioielli italiani tra ‘800 e ‘900”. Attraverso una minuziosa ricerca e un’accurata selezione di oltre 300 pezzi tra gioielli d’autore e documenti d’epoca, l’evento rivela l’affascinante evoluzione dello stile, del costume e della società italiana negli ultimi due secoli.
In mostra sarà possibile ammirare lunghi e colorati sautoir di inizio secolo, bracciali in stile Decò di murrine millefiori, gioielli in micro mosaico romano per il Grand Tour, grandi collier multifilo e collarette realizzate con minuscole conterie da abbinare agli abiti da cocktail sartoriali degli anni Sessanta. Sarà possibile lasciarsi affascinare dai numerosi orecchini a bouquet degli anni Cinquanta, dai bijoux dei figli dei fiori ispirati ai nativi americani, dai grandi cristalli degli anni Ottanta, e anche dalle creazioni più sperimentali dei grandi designer e artisti di fine Millennio.
Mostra organizzata dal Comune di Casalmaggiore (CR) in collaborazione con Gruppo Mauro Saviola – The Eco-Ethical Company, Viadana (MN), Azotal S.p.a., Casalmaggiore (CR)
La manifestazione si svolge anche in caso di mal tempo.
Ingresso intero: euro 3,00
Ingresso ridotto: euro 2,50 (under 25, over 65, gruppi di oltre 15 persone)
Ingresso gratuito per: minori di anni 6, invalidi, giornalisti, insegnanti e per i possessori dell’Abbonamento Musei Lombardia
Ingresso cumulativo Museo del Bijou – Museo Diotti: euro 4,50
Percorsi tematici e laboratori (su prenotazione): euro 4,00 ad alunno (min 15 persone)
Supplemento visita guidata (su prenotazione, min 12, max 25 persone): euro 45,00 a gruppo
Attività BijouXtutti: euro 60,00 a gruppo
Informazioni: info@castellidelducato.it

Villa Medici del Vascello (CR)
TRAVERSAMENTI
Mostra d’arte scultorea dell’artista Italo Lanfredini
In corso fino a domenica 5 giugno
Tutte le domeniche e nei giorni festivi negli orari di apertura di Villa Medici del Vascello: 11:00, 15:00, 16:00, 17:00
Scultore noto a livello internazionale, Italo Lanfredini, con le sue opere crea legami inattesi con la storia e le peculiarità di Villa Medici del Vascello, in un’interazione continua tra scultura, ambiente e osservatore che dona nuove e inconsuete suggestioni.
Il percorso espositivo si snoda negli spazi interni di Villa Medici del Vascello e si estende nell’ampio parco ottocentesco, in perfetta simbiosi con il paesaggio.
Un’anteprima dell’esposizione sarà disponibile anche nel Metaverso.
Durante il periodo espositivo si terranno anche eventi collaterali legati alla mostra.
La manifestazione non si svolge in caso di mal tempo.
Costo della manifestazione:
Adulti: 8.50 €
Over 65: 7.00 €
Gruppi di minimo 15 persone: 7.00 €
Gratuito: minori di 18 anni, disabili e accompagnatori (max 1), forze dell’ordine in servizio, giornalisti in servizio.
Informazioni: info@castellidelducato.it

Castello di Contignaco (PR)
INCANTO EMILIANO
Mostra fotografica di Anna Lisa Inzaina al Castello di Contignaco
Un omaggio alla bellezza del territorio emiliano tra immagini ed emozioni
Fino a domenica 29 maggio
Mostra inclusa nella visita guidata del Castello
Aperture del mese di maggio: domenica 8, sabato 14 e domenica 15, sabato 21 e domenica 22, sabato 28 e domenica 29
Orari di inizio delle visite guidate: ore 11, 15.30 e 17.30
Visita della sola mostra in fascia serale: dalle 19 alle 20.30
Le immagini di Anna Lisa Inzaina narrano di chiese, castelli e paesaggi al tramonto, dall’autunno alla primavera, dall’inverno all’estate. Partendo dal Po e dai suoi silenzi, si giunge alla maestosità del Castello di Torrechiara e alla magia dei suoi notturni. Quindi di nuovo la Bassa, Zibello e il Bosco delle Fate, Roccabianca e le acque del Grande Fiume, Borgo San Donnino e i colori delle sue campagne, per poi attraversare le dolci colline emiliane fino a spingersi al verde del Preappennino parmense. Ed ecco ancora il Medioevo e i castelli, Vigoleno, Scipione e Tabiano, fiabeschi racconti di nebbie e di colline al tramonto, fiori e caprioli, con chiese e pievi come quelle di San Nicomede e di Salsominore immerse nell’esplosione dei colori della primavera. Si giunge infine al Castello di Contignaco e alla sua vallata, tappa finale della poesia di questo racconto per immagini.
L’autrice degli scatti
Anna Lisa Inzaina nasce e vive a Fidenza (Borgo San Donnino) e, dopo aver conseguito la licenza liceale classica, decide di frequentare Conservazione dei beni culturali a Parma. Da sempre affascinata da ogni forma d’arte, soprattutto visiva, ama disegnare, dipingere e cantare.
Innamorata della silenziosa tranquillità della Natura, predilige una comunicazione del sé fatta di immagini, più che di parole. Per questo con molta naturalezza si avvicina alla fotografia. Quale mezzo migliore per fermare un momento, una luce, uno sguardo… e trasmettere agli altri le proprie sensazioni?
La vita scorre tranquilla al Borgo, fino all’incontro col suo compagno, con il quale condivide la stessa passione fotografica, che la porta a trasferirsi a Salsomaggiore Terme. Incantata dalla bellezza del paesaggio emiliano, si sente di affermare che mai più lascerà questi luoghi.
Nasce così, inconsapevolmente, una raccolta di immagini del territorio, un omaggio a natura, arte e cultura, una danza di gioia e di riconoscimento verso tutto ciò che la rende felice, un viaggio visivo fatto non di grandi distanze, ma di profonde emozioni.
La mostra fotografica si articola in due sale del Castello.
Costo per visitare la mostra: incluso nel biglietto di ingresso al Castello.
Aperture del mese di maggio: domenica 8, sabato 14 e domenica 15, sabato 21 e domenica 22, sabato 28 e domenica 29.
Orari di inizio delle visite guidate: ore 11, 15.30 e 17.30.
Costi:
– visita guidata adulti con mostra € 10; bambini dai 6 ai 14 anni € 5; bambini fino ai 5 anni ingresso gratuito;
– degustazione guidata dei vini del Castello € 18;
– visita con degustazione € 22.
Possibilità di accedere alla sola mostra in fascia serale, il sabato e la domenica, dalle 19 alle 20.30.
Costi per la sola mostra, unicamente in fascia serale:
adulti € 5; bambini dai 6 ai 14 anni € 3; bambini fino ai 5 anni ingresso gratuito.
Prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR)
MEMORABILIA – MEMO FORNASARI
In corso fino all'11 giugno
Tra realtà ed astrazione. Tra radiografie come ali di farfalla e galassie multiformi. Geometrie e composizioni. Forme futuribili raccontano di una pittura colta, d’avanguardia, attenta allo spazialismo di Fontana, ma anche a Vedova, Turcato, Corpora. Da vedere alla Rocca Sanvitale di Fontanellato (19 km da Parma) in Emilia la mostra d'arte "MEMORABILIA – MEMO FORNASARI" fino all'11 giugno con le opere di Memo Fornasari: la ospitano le sale a piano terra del maniero, proprio a pochi passi dallo straordinario affresco del Parmigianino nella Saletta di Diana e Atteone. Dopo le personali tenutesi gli scorsi anni da artisti quali Silvia Caimi, Filippo Soddu, Serafino Valla, Dale con l'installazione Rainbow of Peace e Ivana Vio, il Museo Rocca Sanvitale apre le porte a Memo Fornasari, “l’artista delle stelle”. Sede del circuito Castelli del Ducato lelegante Rocca di Fontanellato ospita la mostra a lui dedicata, curata da Carlo Micheli, unantologica allestita all'interno del percorso di visita del Museo Rocca Sanvitale, selezionata da Cooperativa Parmigianino con il supporto della famiglia del pittore - designer, nell'ambito del progetto 2022 di gestione della roccaforte. Memo Fornasari (Mantova 2 dicembre 1910 - Verona 11 ottobre 1982) esteta e stilista della forma, è anche noto come il designer degli “Oggetti Forma” in peltro che, unitamente alle composizioni strutturali in metallo, gli sono valsi 18 premi internazionali.
Orari e giorni di visita:
lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato visite alle ore 10.15-11.45-14.45-16.15
domenica e festivi biglietteria aperta con orario 10.00-12.15 e 14.00-16.15 con visite guidate ogni 30 minuti circa.
Chiuso il martedì (aperta su prenotazione per gruppi di almeno 20 persone).
La mostra in Rocca Sanvitale sarà visitabile nel rispetto delle normative anti Covid-19.
Costo ingressi comprensivi di visita alla mostra:
Biglietto intero: € 10,00
Biglietto ridotto (da anni 6 a anni 16): € 5,00
Ridotto: 9,00 Euro ridotto Passapotrto Card del Ducato
Gratuito bambini sotto i 6 anni, disabili e residenti (massimo 2 pax per turno).
Informazioni: info@castellidelducato.it

Castello di Rivalta (PC)
MOSTRA “LE TAVOLE DI UN’ANTICA FAMIGLIA PIACENTINA”
Immaginate una tavola apparecchiata per le grandi occasioni, degna di una principessa che accoglie i suoi ospiti per un gran ricevimento: il galateo è servito
In corso fino al 29 maggio 2022
dal lunedì al venerdì su prenotazione: alle ore 11:00 oppure alle ore 15:30
Sabato visite alle ore 11:00, 14:00, 15.20, 16.40 e 18.00*;
Domenica e festivi alle ore 10:30, 12:00, 14:00, 15:20, 16:40, 18:00*.
*inizio ultima visita guidata
Per garantire una regolare programmazione delle visite e ingressi contingentati la prenotazione è obbligatoria.
Immaginate una tavola apparecchiata per le grandi occasioni, degna di una principessa che accoglie i suoi ospiti per un gran ricevimento: il galateo è servito, lo stile è assicurato con piatti francesi del 1830, calici di Murano di due secoli fa, salini, candelieri e brocche, centrotavola pregiati, bicchieri di Boemia molati a mano, posate con monogrammi e tovaglioli cifrati con lo stemma. 
ogni anno rinnovata nell’allestimento, curata personalmente dal Conte Orazio Zanardi Landi e dalla sua Famiglia, apprezzata da appassionati di antiquariato, storici dell’arte, collezionisti e turisti che desiderano toccare con mano i fasti della grande storia. Sarete avvolti dall’atmosfera unica di un antico e blasonato Castello, amato dai reali d’Inghilterra e d’Olanda quale meta speciale per soggiornare nel Bel Paese, dove svariate sale sono ancora allestite a tema con preziosi corredi, porcellane, tappeti che appartennero da sempre alla prestigiosa storia del maniero di Rivalta e alla nobile dinastia che ancora oggi vi risiede: quella dei Conti Zanardi Landi.
Dai monogrammi sui tovaglioli alle livree cifrate dei servitori, tutto parla di un casato che ha fatto la storia del territorio piacentino.
Vedrete anche una speciale tavola da caccia, pronta per stuzzicare occhi e fantasia con piatti Boemia dell’800 che raccontano novelle tipiche di quella zona, una zucca romana del ‘700, curiose posate in corno ottocentesche, staffette - secondo l’uso tipicamente francese di utilizzarle per appoggiare posate sporche - e oggetti come schiaccianoci e nocciole a vite, oliere, caffettiere. Visitando il ricco percorso espositivo ammirerete diverse tipologie di tavole apparecchiate a seconda delle grandi occasioni: si spazia da piatti francesi del primo ventennio del Novecento dipinti a mano, preziosi bicchieri Baccarat datati a fine Ottocento e inizio Novecento. Scoprirete usi e costumi dei nobili che erano soliti imbandire la tavola con ben 6 bicchieri per ogni commensale: 2 erano per sorseggiare il vino rosso, uno per il vino bianco, la coppa per degustare lo spumante; il più piccolo era quello perfetto per apprezzare il vino da dessert mentre il bicchiere più grande, a sinistra dell’ospite, era dedicato all’acqua. Le signore resteranno conquistate da come erano foggiate le posate in argento nell’Ottocento, le tazzine da crema, le oliere all’epoca dello stile Impero Dacceno, i candelieri del 1850 di Milano. La guida sarà a vostra disposizione per descrivervi storia di oggetti e arredi.
E’ il Conte Orazio Zanardi Landi, presidente dell’Associazione Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli ad inaugurare la suggestiva mostra: “Sono lieto di presentare una mostra di pezzi unici appartenuti alla mia famiglia per consentire a chiunque di poter vivere direttamente pezzi di storia quotidiana: nappe, organze, merletti, argenti, cristalli e porcellane rare – spiega il Conte Orazio Zanardi Landi - Non si tratta di un’esposizione museale di oggetti più o meno preziosi, ma la autentica ricostruzione del percorso storico della famiglia dei Conti Zanardi Landi attraverso le vere “mise en place” che la famiglia ha utilizzato nei secoli sulle proprie tavole”.
“Potrete ammirare qualcosa che ha il profondo sapore del “vissuto” in diverse sale del Castello con tavole apparecchiate per le grandi occasioni, degne di una principessa che accoglie i suoi ospiti per un gran ricevimento:
Tra nappe, organze, merletti, argenti, cristalli e porcellane rare – che orneranno le tavole d’onore, di caccia, dei bambini, del tè, del caffè – farete un viaggio unico attraverso una fedele ricostruzione storica che dal Settecento arriva fino ai primi decenni del Novecento. Ci saranno perfino i camerieri in livrea con divise originali in ossequio alla moda dell’epoca. Tutti i servizi e tutti i pezzi visibili sono sempre appartenuti alla famiglia dei Conti Zanardi Landi.
Non solo tavole ma anche una speciale ricostruzione di un bagno di un Castello, con catini originali e una particolarissima vasca a dondolo.
Il Castello di Rivalta: è uno dei pochi in Europa con attorno un borgo rimasto in gran parte intatto: ancora oggi è abitualmente abitato dalla famiglia Zanardi Landi che ne è proprietaria dalla fine del XIII secolo. Decina di migliaia le persone che ogni anno giungono da ogni regione d’Italia e dall’estero per visitare un luogo unico per la sua magia ed il suo fascino. 54 sale ancora oggi arredate con mobili e tappeti d’epoca (dal 1400 in avanti) e rese nel tempo funzionali per accogliere ospiti con esigenze mutate nei secoli. Qui sono passati e passano ancora oggi Re e Regine, Principi, Nobili e Capi di Stato di ogni parte del mondo e proprio qui la Principessa Margareth (sorella della Regina d’Inghilterra) ha trascorso per parecchi anni le sue vacanze estive.
INFO UTILI
La mostra “Le Tavole di un’antica famiglia Piacentina” sarà visitabile dal 16 aprile al 29 maggio 2022
Per garantire una regolare programmazione delle visite e ingressi contingentati la prenotazione è obbligatoria.
Parcheggi più vicini: gratuiti a 200 mt
Prenotazione obbligatoria, ingressi contingentati, mascherina obbligatoria (si consiglia l’utilizzo della mascherina FFP2)
La manifestazione si svolge anche in caso di maltempo.
Costo della manifestazione:
Biglietto intero: 14,00 euro
Biglietto ridotto (dai 6 ai 12 anni): 12,00 euro
Ridotto per gruppi: 12,00 euro
Possibilità di prenotare visite in lingua straniera: prestazione extra che prevede un supplemento
Parcheggi Vicini: gratuito 200 mt
info@castellidelducato.it

Labirinto della Masone di Fontanellato (PR)
DALL’ALTO. Aeropittura futurista
In corso fino al 3 luglio 2022
Prende il via il 9 aprile 2022 la nuova mostra primaverile del Labirinto della Masone, DALL’ALTO. Aeropittura futurista, a cura di Massimo Duranti con la collaborazione di Andrea Baffoni. L’esposizione intende offrire una ricognizione sistematica di un movimento che coinvolse alcuni tra i principali artisti italiani della prima metà del Novecento, rimarcandone le specificità anche nei confronti delle altre correnti che si svilupparono a partire dal Futurismo. Paesaggi, aerei, visioni dall’alto a volte dilatate, distorte o addirittura capovolte: l’Aeropittura esalta con sintesi ed essenzialità la velocità, il movimento e la simultaneità del volo come atto fisico e come stato d’animo.
Questa specificazione futurista vide la sua consacrazione nel 1931 con un Manifesto dedicato a firma di Balla, Depero, Dottori, Benedetta, Fillia, Somenzi e Tato, ma già dalla metà degli anni Venti aveva iniziato a diffondersi tra alcuni pittori futuristi – fino ad assumere ufficialità alla fine del decennio a partire da uno scritto di Mino Somenzi del 1928 e da un articolo di Filippo Tommaso Marinetti del 1929. Il successo dell’Aeropittura è tale che per la III Quadriennale d’Arte Nazionale (1939) verrà realizzata una mostra collettiva intitolata Mostra futurista di aeropittori e aeroscultori, introdotta da Marinetti che per la prima volta analizza diffusamente la tendenza classificando il movimento in quattro declinazioni pittoriche e in due aeroscultoree. È con questo testo che si confronta la mostra del Labirinto della Masone, mettendo in luce le peculiarità degli artisti dell’Aeropittura che evolvono i concetti di velocità e dinamismo non limitandosi più a treni, automobili o motocicli, bensì sfidando i cieli. Le opere presentate in questa mostra sono numerose, per meglio rendere le sfaccettature stilistiche dei protagonisti del movimento: sono circa un centinaio, di oltre trenta artistitra pittura, disegni, acquerelli, grafiche di medie dimensioni e anche aerosculture come quelle di Renato Di Bosso, Umberto Peschi e Mino Rosso. I più noti esponenti della corrente sono tutti rappresentati in mostra: Gerardo Dottori è presente con le grandi tele Incendio in città e Volo sull’oceano, figurano inoltre Osvaldo Peruzzi, Fillia, Enrico Prampolini con le sue opere che tendono a un’astrazione del tutto personale; non mancano inoltre gli aerei sapientemente ritratti da Tullio Crali e da Tato. Accanto a loro Fortunato Depero che, seppur non aeropittore in sento stretto, firmò il Manifesto e sperimentò con le prospettive aeree numerose volte.
Importante la presenza di artiste futuriste: Benedetta Cappa Marinetti, Leandra Angelucci Cominazzini, Barbara, Marisa Mori sono con le loro opere testimoni di un movimento che coinvolgeva uomini e donne allo stesso modo, affascinati tutti dalle nuove tecnologie e dalle possibilità rappresentative che offrivano. In mostra anche l’ultimo degli aeropittori: Guido Strazza, che quest’anno compie 100 anni. Giovanissimo incontrò Marinetti che lo invitò nel 1941 a una mostra di futuristi a palazzo Braschi e l’anno dopo alla Biennale di Venezia. Otto disegni in mostra documentano quella sua breve stagione futurista, prima di approdare a un astrattismo del segno che lo ha reso famoso nel mondo.
In concomitanza con la mostra uscirà un nuovo volume firmato Franco Maria Ricci Editore dedicato all’aeropittura.
INGRESSO E ORARI
La mostra è aperta tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10.30 alle 19.
L’accesso è incluso nel biglietto d’ingresso del Labirinto della Masone.
Informazioni: info@castellidelducato.it

Castello Anguissola Scotti Gonzaga di Agazzano (PC)
SEGNI E COLORI
Giacomo Mazzari
In corso fino al 29 maggio, sabato e domenica ore 15.30 / 18.30
Giacomo Mazzari nasce ad Agazzano in provincia di Piacenza il 25 marzo 1941. Attualmente vive e lavora a Rivergaro. Laureato in architettura al Politecnico di Milano si dedica per passione alla pittura come autodidatta a partire dal 1970. I suoi primi Maestri furono gli Impressionisti e i Macchiaioli. Il modo scelto per avvicinarsi a loro fu quello di riprodurne fedelmente alcune opere, ripetendo nel tempo questa pratica e misurandosi con altri autori come: Vermeer, Klimt, Lorenzo Lotto, Piero della Francesca, raggruppandoli alla fine in un’unica mostra di “ Falsi d’autore” quale umile omaggio alla loro bravura. Una pittura, la sua, in continua evoluzione dove i temi a lui più cari come i paesaggi, le nature morte, i ricordi vengono raffigurati ed interpretati con grande sentimento di libertà al punto da sembrare quasi fantastici, sospesi in un alone di magia, tra fiaba e sogno, coinvolgendo l’osservatore in calde e suggestive atmosfere.
visitabile anche su appuntamento da richiedere preventivamente: 335 8458320
ingresso libero
Parcheggi Vicini: parcheggio della Chiesa di Santa Maria Assunta – Via Roma Agazzano
Informazioni: info@castellidelducato.it

Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (PR)
RICORDI DI FAMIGLIA
Racconti di vita quotidiana e testimonianze storiche attraverso una straordinaria esposizione di preziosi oggetti, antichi documenti e fotografie d’epoca della famiglia Pallavicino. Con l’apertura straordinaria di alcune sale del Castello.
Sabato 14 e domenica 15 Maggio 2022 sabato e festivi
Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino – Borgo Medioevale di Scipione Castello – Salsomaggiore Terme (PR)
Orario di svolgimento (se mostra orari di apertura):
Sabato: ore 15.00; 16.00; 17.00
Domenica e festivi: ore 10.30 e 11.30; 15.00; 16.00; 17.00
Una straordinaria esposizione di preziosi oggetti, antichi documenti e fotografie appartenuti alla famiglia della Marchesa Maria Luisa Pallavicino.
Un’esposizione itinerante attraverso le sale del Castello, che racconta il rituale dell’ora del tè nel salotto azzurro, tra preziosi argenti del secolo scorso, porcellane di Meissen e Sèvres del Settecento e Ottocento ed eleganti ventagli di famiglia. Momenti di intimità quotidiana, nella camera da letto aperta per l’occasione, dove tra le sete damascate, si possono scorgere raffinati cofanetti e flaconi di vetro per il profumo con stemma di famiglia e biancheria da casa con monogramma.
Numerosi i ricordi degli anni di gioventù della Marchesa Maria Luisa Pallavicino, dal sontuoso abito da ballo delle Sorelle Fontana, indossato per il ricevimento di matrimonio della Principessa Maria Pia di Savoia, alle fotografie che la ritraggono ai ricevimenti nei saloni del Castello Reale di Laeken in Belgio.
Tra i documenti di famiglia, un’antica pergamena del 1529, dispensa matrimoniale per l’unione dei cugini Giangerolamo Pallavicino, Marchese di Scipione (1474 -1536) e Giacoma Pallavicino, ricorda la storia di un’importante figura femminile del Rinascimento, quella di Giacoma, le cui sofferte vicende famigliari sono state al centro di un importante studio da parte della storica dell’arte americana Katherine Mc Iver che nel 2006 le dedicò un libro, “Women, Art, and Architecture in Northern Italy, 1520-1580” citandola come uno dei primi esempi di donna emancipata dell’era “moderna”.
Tra le curiosità, alcuni tra i primi scatti a colori realizzati intorno al 1910 che rivelano momenti di intimità famigliare e immagini di stanze adorne di arredi, in linea con il gusto dell’epoca. Altri preziosi oggetti, come il leggio del Seicento appartenuto al Cardinale Sforza Pallavicino, raccontano le vicende storiche di una delle poche casate in Europa ad avere più di mille anni di storia.
-Per gli ospiti che vorranno pernottare nel Castello, è anche a disposizione la torre millenaria con la sua romantica Suite Azzurra, su due piani, con vista panoramica spettacolare sulle colline.
-La mostra è inclusa nel percorso della visita guidata al Castello, il più antico della Provincia di Parma, costruito prima del 1025 da Adalberto Pallavicino, capostipite della casata. Un tour suggestivo che ne racconta la storia millenaria attraverso i saloni con soffitti a cassettoni, affreschi e camini del Quattrocento e Seicento, e i meravigliosi spazi esterni, dal grande giardino con vista panoramica, alla terrazza con l’imponente loggiato Seicentesco, entrambi con viste magnifiche sulle colline a perdita d’occhio, passando dallo scalone dei cavalli con il suo giardino segreto, che regala magnifiche fioriture primaverili.
Visita nel rispetto delle direttive ministeriali
La manifestazione si svolge anche in caso di mal tempo.
Costo della manifestazione: la mostra è inclusa nel percorso della visita guidata al Castello.
Adulti: 9 euro
Bambini dai 6 ai 15 anni: 8 euro
Gratuito: bambini fino a 5 anni
Parcheggi Vicini: all’entrata del borgo, lungo la strada
Passare Salsomaggiore verso Piacenza e girare a destra in località Scipione Castello.
info@castellidelducato.it

Castello di Compiano (PR)
LO STATO LANDI: PROTAGONISTI, STEMMI E FEUDI IMPERIALIÌ
GIUGNO: venerdì, sabato, domenica e lunedì e festivi dalle 10 alle 18
LUGLIO E AGOSTO: tutti i giorni della settimana dalle 10 alle 18
Il Castello di Compiano ospita una mostra-focus a carattere didattico, incentrata sull’esposizione al pubblico di una quarantina di riproduzioni delle incisioni, realizzate dal pittore cremonese Carlo Natale, già allievo niente meno che di Guido Reni, commissionate nel 1617 dal Principe Federico II Landi.
Le tavole donano preziose informazioni circa i territori allora facenti parte dello Stato Landi: Bardi, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano e Turbigo e relative frazioni, descritte talvolta con minuziosità di particolari e altre con creatività fiabesca. Tra le illustrazioni anche i marchi dei cavalli, l’albero genealogico di Casa Landi, l’arma intesa quale stemma e le monete coniate all’interno delle sedi di zecca attive in Valtaro e Valceno.
La manifestazione si svolge anche in caso di mal tempo.
Costo della manifestazione:
Adulti: 9 euro (comprensiva del ticket di ingresso alle collezioni permanenti)
Bambini da 7 anni a 16 anni: 6 euro (comprensiva del ticket di ingresso alle collezioni permanenti)
Informazioni e prenotazioni: info@castellidelducato.it

Rocca Sanvitale a Fontanellato (PR)
IRONIKONIRICA La ConTAMinAzione artistica di Vania Elettra Tam
Dal 17 giugno al 23 luglio 2022
Sede del circuito Castelli del Ducato, l’elegante Rocca Sanvitale ospita IRONIKONIRICA la mostra di Vania Elettra Tam, curata da Carlo Micheli e patrocinata dal Comune di Fontanellato, che è ospitata nelle sale poste al piano terra a pochi passi dall’affresco di Diana e Atteone, famosa opera giovanile del Parmigianino. L’evento, selezionato da Cooperativa Parmigianino nell’ambito del progetto 2022 di gestione della roccaforte, si basa su tre cicli pittorici dell’artista considerati i più inerenti al contesto, poiché traggono spunto da celebri dipinti rinascimentali rivisitati in chiave contemporanea. L’esposizione di Vania Elettra Tam (17 giugno / 23 luglio) fa parte di un interessante cammino, avviato in questi anni e dedicato all’arte contemporanea.
Così il curatore della mostra Carlo Micheli: ConTAMinAzione è un termine che si adatta all'intera produzione di Vania Elettra Tam, ma in particolare alle opere qui esposte, vere e proprie scorribande nel mondo dell’enigmistica, della psicanalisi, del fumetto, della satira, dell'arte antica, condotte sempre con eleganza e misurata ironia. Piace pensare che la parola si spezzi a formare una frase: “con Tam in azione”, un’esortazione a mettere in moto le cellule grigie, per godere non solo visivamente delle preziosità di Vania, delle sue qualità artistiche, ma anche del suo sense of humor, della sua corrosiva leggerezza, della sua soave crudeltà… La contaminazione si estende alle opere “leonardesche” nelle quali, trasformatasi in una sorta di “reporter atemporale” in vena di scoop, l'artista ha immaginato di trovarsi nell’atelier del maestro, mentre i personaggi dei suoi quadri si apprestano a posare per lui, circondati da un esercito di sarti, parrucchiere, manicure che ne curano maniacalmente il look. In “Kanon-regole ferree" l'artista rielabora ritratti di epoca rinascimentale sovrapponendo ai loro volti nuovi marchingegni di ferro atti a correggere eventuali loro difetti: labbra troppo sottili, nasi un po’ adunchi, occhi troppo piccoli, fronti o menti troppo sporgenti. Il canone di bellezza, di classica memoria, ancora una volta intende porre ordine in una natura che sembra rassegnata a subire qualsiasi artificio. Il tutto filtrato sempre attraverso il variegato universo femminile che nell’intera opera di Vania Elettra Tam è protagonista assoluto di un immaginario al tempo stesso reale e irreale, ironico e onirico. Da qui il titolo di questa mostra, IRONIKONIRICA, un neologismo inteso a sottolineare l'avvento di una nuova complessa iconografia, che trae spunto tanto dal sogno quanto dall'ironia, in un percorso concettualmente tortuoso che giunge, infine, ad un'insospettabile sintesi, ad una immediatezza da slogan pubblicitario, una frecciata che sa sempre cogliere il centro del bersaglio.

Negli “Origami Clitoridei” (e il titolo è tutto un programma) le figure femminili hanno il capo avvolto da un “soggolo bianco”, copricapo utilizzato dalle nobildonne dell’alto medioevo, che nelle singole opere, assume forme inconsuete, che riportano alla mente atmosfere felliniane, taglienti e surreali. Vania Elettra Tam si cala nel contemporaneo armata di seduzione e sagacia e nelle sue opere nulla è scontato e prevedibile, perché essere artisti significa saper rendere visibile l’invisibile.
Visitabile: lun. mer. giov. ven. e sab. visite alle ore 10.15 - 11.45 - 14.45 - 16.15
dom. e festivi biglietteria aperta con orario 10.00 - 12.15 e 14.00 - 16.15
chiuso il martedì (aperta su prenotazione per gruppi di almeno 20 persone)
L’accesso alla mostra è consentito solo nell’ambito delle visite guidate alla Rocca, con partenze scaglionate ogni 30 minuti circa.
biglietti:
intero: € 10,00 - ridotto (da anni 6 a anni 16): € 5,00
ridotto con Passaporto Card del Ducato: € 9,00
gratuito bambini sotto i 6 anni, disabili e residenti (massimo 2 pax per turno)
Informazioni: info@castellidelducato.it

#castellidelducato #castelliemiliaromagna #inEmiliaRomagna #destinazioneturisticaemilia #ptpl2022 #fantasticaemilia #fantasyland #emiliadasogno #esperienzeuniche #experiencecastle #custodidisogni #custodideltempo #custodidistorie #visititaly #visitemilia

#castellidelducato #castelliemiliaromagna #inEmiliaRomagna #destinazioneturisticaemilia
#ptpl2022 #fantasticaemilia #fantasyland #emiliadasogno
#esperienzeuniche #experiencecastle #custodidisogni #custodideltempo #custodidistorie
#visititaly #visitemilia


Castelli del Ducato di Parma, Piacenza, Guastalla e Pontremoli con itinerari verso Reggio Emilia e verso Cremona – Felici di Accogliervi!

Castello di Paderna

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate della cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta Annulla