Notizie

Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci

MOSTRE D'ARTE, FOTOGRAFICHE, MULTIMEDIALI NEI CASTELLI DEL DUCATO

Luce degli Appennini: Gastone Biggi. I Prati sono fatti per le Nuvole. Rembrandt - Le Acqueforti. Le Porcellane dei Duchi di Parma. Labirinti, storia di un segno. Il Seminatore. Art & Love

Luce degli Appennini: mostra di Gastone Biggi alla Reggia di Colorno. I Prati sono fatti per le Nuvole al Castello di Sarzano. Rembrandt: Le Acqueforti nel Borgo di Vigoleno. Le Porcellane dei Duchi di Parma alla Reggia di Colorno. Umberto Eco, Franco Maria Ricci: Labirinti, storia di un segno al Labirinto della Masone di Fontanellato. Il Seminatore personale espositiva delle opere di Serafino Valla alla Rocca Sanvitale di Fontanellato. Art & Love a Castell'Arquato.

Tantissime mostre d'arte in estate nel circuito Castelli del Ducato si vanno ad aggiungere alle straordinarie collezioni permanenti nei nostri luoghi d'arte. Quali sono?

Castello di Sarzano - Comune di Casina di Reggio Emilia
I PRATI SONO FATTI PER LE NUVOLE: MOSTRA NEL COMPLESSO DEL CASTELLO DI SARZANO
La ruralità diventa arte nella mostra a Sarzano fino al 2 ottobre.
Visitabile il sabato dalle 16 alle 19, la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19
Il 31 luglio live performance MowMan.

Un territorio collinare gentile, fatto di piccoli paesi e antiche vestigia, sporadici campi coltivati, incolti lussureggianti di fiori ed erbe, pascoli, vecchie strade e nuove risorse. Luoghi, esperienze, memorie e produzione si fondono in un racconto visivo e sonoro. La mostra rientra nell’ambito del progetto “Mediaterrae Aemilia”, un programma di residenze artistiche sul territorio reggiano che indaga il patrimonio culturale, paesaggistico, storico e naturalistico dell’Appennino. Tre artisti - Renato Rinaldi, Nicolò Maltoni e Manuel Attanasio - sono stati chiamati a immaginare la ruralità futura di Casina di Reggio Emilia. Manuel Attanasio, cantante e compositore, svolge da vent’anni un’attività artistica e musicale fondata sulla ricerca vocale, che lo ha portato alla pubblicazione di diversi lavori discografici; Nicolò Maltoni è architetto di formazione, fotografo, instancabile camminatore e cartografo, artista visivo poliedrico che ricerca costantemente una relazione intima e creativa con il paesaggio e i suoi luoghi; Renato Rinaldi ha studiato recitazione, composizione e musica elettronica. Compone musiche per lavori teatrali, film, installazioni video e sonore e per la radio. Il progetto, a cura di Ics Spazio Gerra, nasce dall’indagine dei proce ssi di riconfigurazione nei territori rurali nell’epoca contemporanea, mappandoli attraverso il racconto sonoro, visivo e mediale di giovani artisti. L’esito di queste residenze viene esposto in una mostra al castello di Sarzano dal titolo “I prati sono fatti per le nuvole”, visitabile per tutta l’estate 2021.
LIVE PERFORMANCE
Sabato 31 luglio ore 21
MOWMAN – Manuel Attanasio e Roberto Schirru
Informazioni: cultura@comune.casina.re.it

GLI ARTISTI NEL DETTAGLIO
MANUEL ATTANASIO – Artista eclettico, cantante e compositore, svolge da vent’anni un’attività artistica e musicale fondata sulla ricerca vocale, che lo ha portato alla pubblicazione di diversi lavori discografici, sia in solo che in collaborazione con musicisti della scena musicale italiana ed internazionale. Fonda nel 2013 il duo elettroacustico MOWMAN insieme a Roberto Schirru, registrando tre lavori discografici e condividendo i palchi con musicisti come Al Jerraeau, Asian Dub Foundation, Afterhours, Mannarino ed altri. Parallelamente al lavoro di ricerca sulla voce, realizza docufilm, musiche originali e colonne sonore.
NICOLÒ MALTONI – Architetto di formazione, fotografo, instancabile camminatore e cartografo, è un artista visivo poliedrico che ricerca costantemente una relazione intima e creativa con il paesaggio e i suoi luoghi. Maltoni attinge da esperienze a metà tra architettura e performance, mentre nella sua produzione più stabile di immagini ed installazioni esplora i significati e le introspezioni del rapporto tra uomini e luoghi e l’inesauribilità di quest’ultimi sul piano interpretativo e immaginifico.
RENATO RINALDI – Ha studiato recitazione, composizione e musica elettronica. Compone musiche per lavori teatrali, film, installazioni video e sonore e, per la radio, realizza documentari, reportage radiofonici e radiodrammi. In campo strettamente musicale porta avanti una ricerca sul rapporto suono/ambiente. Audio-documentarista e sound artist, collabora con Rai Radio 3 ed il programma “Tre soldi”, per il quale ha realizzato diverse produzioni.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Casina nell’ambito del progetto “Mediaterrae Aemilia. Esperienze di ruralità futura nell’Appennino Reggiano”, a cura del centro culturale Spazio Gerra di Reggio Emilia, ed è parte del programma della Scuola del Paesaggio del Parmigiano Reggiano di Montagna, un progetto dedicato alla bellezza e alla comprensione di questa parte d’Appennino. Casina è luogo di produzione del Parmigiano Reggiano, una delle attività economiche più tipiche del territorio; il paesaggio è qui riconosciuto come area da tutelare e preservare, luogo in cui le attività umane, la storia e l’ambiente convivono in buon equilibrio.

Sarà aperto quindi il Castello di Sarzano e sarà possibile anche fare visite guidate a cura del gruppo il folkloristico Il Melograno.
Il programma “Mediaterrae Aemilia. Esperienze di ruralità futura nell’Appennino Reggiano” verte sull’esplorazione, rilettura e riproposizione artistica delle aree rurali della nostra provincia, secondo un’ottica di valorizzazione dei territori e di possibili prospettive legate al decentramento demografico e al rilancio di stili di vita che, grazie anche alle nuove tecnologie e alla distribuzione di energia sostenibile, facilitano lo sviluppo di opportunità e di valide alternative ai consueti modelli di vita.

Informazioni: info@castellidelducato.it

Reggia di Colorno (PR)
LUCE DEGLI APPENNINI
La storia del territorio attraverso una cinquantina di opere del Maestro Gastone Biggi
Da sabato 19 giugno a domenica 10 ottobre
Se tutto intorno a me fosse nero aspetterei calmo un fiocco di neve. Gastone Biggi
E’ organizzata dalla Fondazione Gastone Biggi, in collaborazione con Provincia di Parma, i Comuni di Colorno, Langhirano e Neviano degli Arduini, nell’ambito del programma Parma 2020+21 e fa parte di un più ampio progetto culturale inteso a valorizzare i luoghi e la storia del territorio attraverso una cinquantina di opere del Maestro Gastone Biggi ispirate proprio dalla bellezza di questi luoghi, nei quali scelse di vivere negli ultimi vent’anni della sua vita.
Diplomatosi al Liceo artistico di Roma, Biggi ha insegnato materie artistiche nello stesso Liceo fino al 1984. Inizia la sua attività di pittore nel 1947 e da allora ha tenuto mostre personali nelle maggiori città italiane. Ha tenuto, inoltre, mostre personali anche nei Paesi Bassi e in Svezia ed è stato invitato alle più importanti Biennali e Quadriennali, oltre che alle grandi esposizioni dell’arte italiana a Montréal, Mosca, Nuova Delhi, Stoccolma, New York, Boston, Niigata in Giappone, Londra, Madrid, Banja Luka, Ciudad Bolívar, in Venezuela. Biggi ha inoltre ottenuto diversi Premi Nazionali e Internazionali e le sue opere sono esposte nelle maggiori Gallerie d’Arte Moderna del mondo. Alla pittura ha sempre affiancato l’attività di scrittore d’arte e musicologo. Nel 1962 esce Nascita di un punto contenente 23 continui segnici ma soprattutto la teorizzazione di quella che sarà, nelle molteplici sfaccettature, la sua grande ricerca pittorica: è un momento fondamentale per Biggi in quanto da questo momento si concentrerà su un preciso e ragionato lavoro. È nel 1962 che si concretizzerà con la formazione di Gruppo 1: Biggi, Frascà, Santoro e Uncini con il grande appoggio di Giulio Carlo Argan che ne sarà militante promotore. Ha collaborato dal 1970 al 1980 con il quotidiano L’Umanità, curando la rubrica Azzerando, successivamente con la rivista d’arte Art Leader con la rubrica Dibattiti e con la rivista Terzocchio con la rubrica Parole d’artista. Nel 1975 ha tenuto tre mostre antologiche a Torino, Roma e Milano, e nel 1988, una mostra antologica a palazzo Ruspoli di Nemi, Biggi: Percorso d’artista 1958-1988.
Nel 1992 pubblica BISNY. Da Bisanzio a New York (riflessioni critiche di un artista sull’arte antica, moderna e contemporanea) per le Edizioni Bora di Bologna. Con lo stesso editore pubblica nel 1994 Io, gli anni Sessanta e il Gruppo Uno, una personale testimonianza degli anni ’60. Nel 1999 pubblica un’ampia monografia dal titolo Autoritratto 1947-1999 a cura di Marco Tonelli, a cui seguono Oltre l’orizzonte (2001) e Le cosmocromie a cura di Elena Pontiggia. Nel 2004 Carlo Arturo Quintavalle riprende il lavoro di Biggi ed inaugura una grande mostra antologica di opere grafiche e di pittura che rimangono la testimonianza più vera di una genesi concettuale ed il suo sviluppo attraverso anni di lavoro all’ombra di una storia, mai dimentica, rende omaggio al suo caparbio e prezioso lavoro.Sarà celebrato presso il salone delle Scuderie del palazzo della Pilotta di Parma, che verranno presentate nell’importante libro Gastone Biggi, Skira editore. Nello stesso anno espone con una mostra antologica alla Galleria Art Time a Brescia, che pubblica per l’occasione il libro Testimoni a favore. Nel 2005 con l’Editore Maretti pubblica il volume Incursioni d’artista, esponendo le sue opere a Monte Carlo (Monaco) e alla GAM di Faenza, in collaborazione con la Galleria Art Time di Brescia, e pubblica il Manifesto del Realismo astratto, concetto già anticipato nel 1949, presente in diverse serie, ed esposto con il ciclo “Eventi”. Sempre nel 2006 è protagonista del cortometraggio di Giorgio Kiaris dal titolo Art in Progress, che riprende Gastone Biggi mentre dipinge un’opera del ciclo Guerra e Pace, ispirata al gioco del calcio. Il cortometraggio è stato selezionato per il Festival internazionale del cinema d’arte di Bergamo di quell’anno. Nel 2008 inaugura una mostra antologica in occasione dei suoi 60 anni di pittura, “Biggi 1948-2008”, alla Casa del Pane di Milano. Nello stesso anno pubblica il libro d’artista Minimilano, un taccuino di poesie e guaches su Milano e il romanzo Anelio, entrambi con la Silvia Editrice.
Nel 2009, partecipa alla 53ª Biennale di Venezia e pubblica il libro Tutta un’altra storia…, edito da Studi Uniti, una rivisitazione ironica della storia dalle origini ai nostri giorni. Nel 2010 espone con la mostra, Gastone Biggi “Attraversamenti”, nelle sale di Palazzo Sant’Elia a Palermo: nello stesso anno, con lo stesso editore pubblica il libro Anni ’50, la svolta. Nel 2011 il successo a livello internazionale: espone con la mostra antologica “Biggi” in Cina presso la sede dell’Urban Planning Exhibition Center di Shanghai. L’esposizione è organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Shanghai. Nel 2013, il museo Palazzo Collicola arti visive – Museo Carandente di Spoleto gli dedica una importante retrospettiva, dal titolo “Antologica”, che ripercorre il percorso artistico dagli anni ’60, sino all’ultimo ciclo di opere dedicate a New York. Nel dicembre del 2013 ha luogo una mostra antologica alla Withebox Art Center, New York, curata da Gianluca Ranzi. Si spegne a Langhirano il 29 settembre 2014 all’età di 89 anni.
Per informazioni.
Per informazioni e biglietteria: Reggia di Colorno, ufficio.turistico@comune.colorno.pr.it – Tel. 0521 313790
Informazioni: info@castellidelducato.it

Reggia di Colorno (PR)
PORCELLANE DEI DUCHI DI PARMA IN MOSTRA ALLA REGGIA DI COLORNO
Capolavori delle grandi manifatture del ‘700 europeo. Manifatture di Meissen, Sèvres, Vincennes, Chantilly e Doccia appartenenti al Patrimonio Ducale
Fino a domenica 19 settembre 2021
Una mostra alla Reggia di Colorno - nel circuito Castelli del Ducato di Parma, Piacenza, Pontremoli - che si fregia della collaborazione della Galleria degli Uffizi di Firenze.
Un viaggio nella storia del gusto e della ricchezza decorativa che risplendeva del fascino esotico attribuito alla porcellana che durante il Settecento inebriò le Corti d’Europa, divenendo identificativo dello status sociale di chi la possedeva e, quindi, veicolo di diffusione del gusto e delle mode. Aperta dal 15 maggio fino 19 settembre 2021 è la mostra Adornamenti da tavola. Porcellane europee del 700 per i Duchi di Parma.
La Mostra sarà visitabile da Sabato 15 Maggio 2021 dalle ore 15
Orari: Prenotazione obbligatoria
Dal lunedì al venerdì: dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00 (ultimo accesso un'ora prima dell'orario di chiusura)
Sabato, domenica e festivi: dalle 10:00 alle 19:00 (ultimo accesso un'ora prima dell'orario di chiusura)
Informazioni e prenotazioni:
Reggia di Colorno tel 0521 312545
reggiadicolorno@provincia.parma.it
Informazioni: info@castellidelducato.it

Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci (PR)
UMBERTO ECO, FRANCO MARIA RICCI: LABIRINTI, STORIA DI UN SEGNO
Fino al 26 settembre 2021 
Un percorso multimediale alla scoperta di un segno universale.

Se l’immagine del labirinto ha una storia millenaria, questo significa che per decine di migliaia di anni l’uomo è stato affascinato da qualcosa che in qualche modo gli parla della condizione umana o cosmica.
(Umberto Eco)
La mostra del Labirinto della Masone, Umberto Eco, Franco Maria Ricci. LABIRINTI Storia di un segno, inserita anche nel programma delle attività di Parma 2020+21 Capitale Italiana della Cultura, aprirà al pubblico sabato 22 maggio.
Grazie ad innovativi allestimenti multimediali a cura di NEO [Narrative Environments Operas], studio di ricerca e progettazione di ambienti narrativi in particolare nell’ambito di esposizioni e musei e già autore di prestigiosi progetti di digital art (come quello vincitore del XXVI premio Compasso d’Oro lo scorso settembre), il Labirinto si trasformerà in un vero e proprio metalabirinto, introducendo i visitatori in un percorso di parole e pensieri, tra allestimenti scenografici e digitali e prestiti di rilievo, alla scoperta della storia e del significato di uno dei simboli più antichi al mondo.
L’esposizione si svilupperà in tre sale tra le quali i visitatori saranno accompagnati dalla guida di ombre nobili e sapienti legate alla storia di Ricci – non solo Umberto Eco ma anche Jorge Luis Borges – con transiti multimediali di parole e pensieri.
La mostra è realizzata con il patrocinio del Ministero della cultura, della Regione Emilia-Romagna, Comune di Fontanellato, Comune di Parma e gli allestimenti sono a cura di Neo Tech.
La manifestazione si svolge anche in caso di maltempo.
La mostra è aperta tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10.30 alle 19.
L’accesso è incluso nel biglietto d’ingresso del Labirinto della Masone (intero 18 euro, riduzioni indicate sul sito www.labirintodifrancomariaricci.it) che comprende anche l’accesso al labirinto di bambù e alla collezione permanente di Franco Maria Ricci.
Informazioni e prenotazioni: prenotazioni@francomariaricci.com
Informazioni: info@castellidelducato.it

Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR)
CONTEMPORANEITA' DEL MITO - MOSTRA PERSONALE DI ALESSANDRA CASCIOTTI
Fino al 22 luglio 2021
La mostra sarà visitabile fino al 22 luglio nei seguenti orari: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17; sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 14 alle 17.

La mostra personale di Alessandra Casciotti al Museo Rocca Sanvitale di Fontanellato si svolge nell’ambito della promozione dell’official event Pace e Amore Italian Selection for Expo 2021 Dubai- Abu Dhabi, manifestazione ufficiale dell’esposizione universale, il cui commissario di mostra è Giammarco Puntelli, autore della Giorgio Mondadori per due collane editoriali, membro del comitato scientifico del “Catalogo dell’Arte Moderna. Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi” dell’Editoriale Giorgio Mondadori e già direttore artistico di manifestazioni internazionali tra cui ricordiamo la mostra ufficiale in Expo 2015, in piazza Duomo a Milano, dell’evento di arte contemporanea ufficiale del Giubileo della Misericordia nella Basilica dei Santi Quattro Coronati a Roma. La personale di Alessandra Casciotti è la terza delle quattro personali previste alla Rocca Sanvitale, conosciuta in tutto il mondo e selezionata nel contesto della promozione di Expo, come altre città italiane come Roma, Siena, Vemtimiglia, Massa, e altre, per la “Saletta di Diana e Atteone”, affrescata dal Parmigianino. Alessandra Casciotti, nata a Roma, laureata in Lingue e Letterature straniere, ha fin da giovane avuto passione per l’arte nelle sue più articolate espressioni, gesti artistici con cui ha voluto illustrare la propria idea del bello. Applicatasi con totale impegno alla pittura, attraverso l’uso di simboli e segni e allegorie, manifesta e vuole significare la propria visione della vita e della società non trascurando di rendere evidenti le matrici culturali e psicologiche che ispirano la sua produzione artistica. Elemento connotativo delle sue opere è, altresì, la ricerca della connessione tra la realtà materiale e quella spirituale attraverso il ricorso ad immagini simboliche con una particolare attenzione all’uso di colore e forma. Ha partecipato a numerose ed importanti mostre d’arte collettive, oltre ad aver esposto in personali, in varie città d’ Italia in contesti significativi e/o monumentali con quadri che hanno riscosso successo di pubblico e attenzione di critici. È citata nel Libro degli Artisti d’ Italia e le sue opere sono pubblicate sui cataloghi delle mostre e anche su riviste nazionali ed internazionali. La critica ha ritenuto di segnalare, non di rado, la qualità ed il significato del suo lavoro ed in particolare di alcuni suoi quadri come nel caso dell’ attribuzione della menzione speciale per l’opera Opportunità nella mostra - concorso internazionale Art Hug tenutasi a Roma nel maggio 2015 e la selezione dell’opera Le Metamorfosi operata dal professor Vittorio Sgarbi nell’ ambito della mostra internazionale Arte Salerno 2016 e l’assegnazione di una nota di merito nell’ambito della mostra internazionale Arte Milano – The Factory da parte della Commissione Giudicatrice presieduta dal professor Philippe Daverio per l’opera dal titolo Ciclicità della Vita. Un suo dipinto è esposto in modo permanente, parte delle collezioni, nel museo della Fondazione Circolo Artistico Politecnico di Napoli.
Ricordiamo che Pace e Amore ha avuto il patrocinio e la collaborazione con: Ministero Beni e Attività Culturali, Ambasciata Italiana del Regno del Marocco, Emirati Arabi Uniti, Centro Culturale Turco Yunus Emre, Centro Culturale Islamico d’Italia, Conferenza Episcopale Italiana. 
Informazioni: info@castellidelducato.it

Rocca Sanvitale di Fontanellato (PR)
IL SEMINATORE - MOSTRA PERSONALE DI SERAFINO VALLA
Fino a giovedì 24 giugno 2021
La mostra è visitabile previa prenotazione su Viva Ticket.

Il Seminatore, il pensiero e l’opera pittorica di Serafino Valla: si svolge dal 30 maggio al 24 giugno, la mostra del pittore di Luzzara Serafino Valla al Museo Rocca Sanvitale di Fontanellato, nel circuito Castelli del Ducato: la personale espositiva è stata selezionata nell’ambito della promozione dell’official event Pace e Amore Italian Selection for Expo 2021 Dubai- Abu Dhabi, manifestazione ufficiale dell’esposizione universale, il cui commissario di mostra è Giammarco Puntelli, autore della Giorgio Mondadori per due collane editoriali, membro del comitato scientifico del “Catalogo dell’Arte Moderna.
La personale di Serafino Valla è la seconda delle quattro personali previste alla Rocca Sanvitale, selezionata nel contesto della promozione di Expo 2021, come altre città italiane come Roma e Siena, proprio per la “Saletta di Diana e Atteone”, affrescata dal Parmigianino nel castello.
La mostra è visitabile esclusivamente previa prenotazione su Viva Ticket (per info rocca@fontanellato.org) fino al 24 giugno nei seguenti orari: da giovedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.
Serafino Valla, artista storicizzato, è stato selezionato nel contesto dell’Esposizione Universale per il suo pensiero filosofico e poetico con cui, dall’Emilia, ha divulgato una visione universale comune a tutti i popoli che parte dal lavoro dell’uomo in episodi di vita quotidiana e dalla meditazione dell’uomo stesso che lo porta ad osservare il suo spirito e la sua interiorità.
Nasce così un pensiero culturale e spirituale di altissimo valore condiviso dalle realtà di tanti Paesi nel mondo.
Nella mostra saranno presenti le opere che andranno in terra araba.
È stata pubblicata l’intervista della curatrice personale del maestro, la figlia Giuseppina Valla, nel volume Profili d’Artista, dell’Editoriale Giorgio Mondadori.
Il maestro è l’unico artista storicizzato selezionato in Pace e Amore Italian Selection for Expo 2021 Dubai-Abu Dhabi.
Valla è inserito nel Catalogo dell’Arte Moderna n°52, 53, 54, 55, 56 e sue opere sono recensite nei volumi Le Scelte di Puntelli, tutto edito dalla Giorgio Mondadori.
Ricordiamo che Pace e Amore ha avuto il patrocinio e la collaborazione con: Ministero Beni e Attività Culturali, Ambasciata Italiana del Regno del Marocco, Emirati Arabi Uniti, Centro Culturale Turco Yunus Emre, Centro Culturale Islamico d’Italia, Conferenza Episcopale Italiana.
Informazioni e prenotazioni: rocca@fontanellato.org
Informazioni: info@castellidelducato.it

Borgo di Castell'Arquato (PC)
MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA ART & LOVE
Art&Love - Anteprima della Notte Romantica dei Borghi più Belli d’Italia a Castell’Arquato.

20-21 giugno dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.
Una mostra-mercato di arte contemporanea nel Palazzo del Podestà sarà l'occasione per un regalo davvero speciale e duraturo nel tempo alla propria anima gemella. Art&Love, in collaborazione con l’associazione di artisti piacentini Open Art, è alla sua seconda edizione dopo il debutto a San Valentino 2020.
Obbligatorio l’uso di mascherina e il mantenimento della distanza interpersonale. Il personale si riserva di limitare e regolare l’afflusso qualora negli ambienti della mostra fosse superato il limite di 10 persone contemporaneamente. La manifestazione si svolge anche in caso di mal tempo.
Costo della manifestazione: ingresso gratuito.
Informazioni: info@castellidelducato.it

Mastio e Borgo di Vigoleno (PC)
REMBRANDT: LE ACQUEFORTI
Da sabato 26 giugno a martedì 30 novembre 2021
Oratorio della Beata Vergine delle Grazie
In mostra un corpus di 30 acqueforti del Rembrandt, dal ritratto alla scena di genere, dall’autoritratto alla tematica biblica o religiosa

Orario di svolgimento: segue gli stessi orari della biglietteria del Mastio o su prenotazione per gruppi
Il notevole repertorio di opere esposte avrà anche il merito di toccare tutti i vari ambiti tematici in cui Rembrandt ha sperimentato ed espresso il proprio genio, attraverso una tecnica, quella dell’acquaforte, che porta a perfezionamento, con una maestria a tutt’oggi insuperata. La mostra è curata dalla dottoressa Susanna Gualazzini e dall’architetto Carlo Scagnelli.
La manifestazione si svolge anche in caso di mal tempo.
Costo della manifestazione:
Adulti: € 5,00
Bambini da 6 anni a 11 anni , studenti universitari, iscritti FAI e Touring: € 4,00
Info: 329.7503774
Informazioni: info@castellidelducato.it

Mastio e Borgo di Vigoleno (PC)
APERITIVO CON L’AUTORE: JACOPO VENEZIANI SIMMETRIE
domenica 18 luglio, ore 18
Vigoleno, Oratorio della Beata vergine delle Grazie
Il giovane “divulgatore social”, docente di storia dell’arte alla Sorbona di Parigi , ci accompagnerà ad osservare l’arte di ieri con lo sguardo di oggi

Il divulgatore appassionato di arte sui social e in televisione - ospite fisso della trasmissione di Gramellini, le parole della settimana, ci presenterà il nuovo libro, Simmetrie – osservare l’arte di ieri con lo sguardo di oggi.
La manifestazione si svolge anche in caso di mal tempo. Evento gratuito
Informazioni: cell 3297503774
Informazioni: info@castellidelducato.it

Foto COPERTINA: Labirinti, storia di un segno. 

Pagina in corso d'aggiornamento. Ultimo aggiornamento domenica 20 giugno 2021

 

Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate della cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta Annulla