Notizie

Castello di Castelnuovo Fogliani

14 SETTEMBRE 2020: A SCUOLA IN CASTELLO! NEL CASTELLO DI CASTELNUOVO FOGLIANI - CASTELLI DUCATO

Sinergia tra Comune di Alseno e Istituto Toniolo. Il Sindaco Davide Zucchi: "Ringrazio il Toniolo per la sinergia, la sensibilità verso il territorio e la logistica messa a disposizione".

A scuola in Castello in uno degli storici luoghi d'arte del circuito Castelli del Ducato: accade dal 14 settembre 2020, e per un paio di mesi a seguire, a Castelnuovo Fogliani, frazione di Alseno in provincia di Piacenza, dove 78 bambini della scuola primaria inizieranno le lezioni al Castello di Castelnuovo Fogliani, noto anche come Villa Sforza Fogliani.

Grazie, infatti, alla collaborazione tra il Comune, guidato dal sindaco Davide Zucchi, e l'Istituto Toniolo verrà garantito l'avvio della scuola in sicurezza per bambini ed insegnanti. Ne abbiamo parlato con il primo cittadino Zucchi: “Stiamo ultimando una rosa di lavori di riqualificazione nella scuola elementare che termineranno in autunno inoltrato: data l'impossibilità di ospitare gli alunni nel consueto plesso didattico, per spazi idonei, metrature in linea con le linee guida sul distanziamento, possibilità di area mensa, disponibilità di ampio giardino, la soluzione idonea ci è sembrata da subito Villa Sforza Fogliani, il Castello di Castelnuovo, sostenitore del circuito Castelli del Ducato. Abbiamo trovato immediatamente una grande collaborazione nei referenti dell'Istituto Toniolo che ci hanno aperto le porte. Ringrazio pertanto a nome mio e di tutta l'amministrazione comunale, oltre che la preside Anna Coppolelli in forze all'Istituto comprensivo di Castell'Arquato – Alseno, il Toniolo per la sinergia, la sensibilità verso il territorio e la logistica messa a disposizione”.

Il Castello di Castelnuovo Fogliani, dopo questi anni dove si sono svolti concerti, visite guidate, incontri su arte e storia, torna in parte alla funzione che ebbe anni fa: polo di formazione ed educazione.

Il Castello di Castelnuovo Fogliani si può ammirare oggi nella ristrutturazione operata nel Settecento che ne ha eliminato ogni traccia delle strutture fortificate, ricreando un magnifico complesso residenziale signorile-nobiliare, il cui progetto viene attribuito all'architetto Luigi Vanvitelli. A completare l'elegante scenografia contribuisce un ampio giardino all’italiana d’impronta vanvitelliana con numerose specie arboree e un'ambientazione ispirata a diversi stili. La trasformazione da Castello in Palazzo fu opera dei Marchesi e del Duca Giovanni Sforza Fogliani.
Nel 1769 Giovanni Fogliani rassegnava tutti i beni al nipote Federico Meli Lupi di Soragna con l’obbligo di assumere il Casato dei Fogliani. L’ultimo discendente maschio di questo innesto fu Federico, che, spegnendosi, nominava erede universale la figlia Clelia Sforza Fogliani d’Aragona sposata al marchese Pallavicino di Parma. Rimasta vedova senza prole, elargì tutte le sue cospicue sostanze in opere benefiche donando infine nel 1925, poco prima della sua morte, la stupenda residenza di Castelnuovo alla Santa Sede. Questa sua volta ne fece dono all'Istituto Toniolo di studi superiori che lo trasformò, poi, in un Centro culturale, notevole per i convegni e seminari di natura religiosa che qui venivano organizzati.

Ufficio Comunicazione – Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli con itinerari versi Cremona e Reggio Emilia

Dott.ssa Francesca Maffini
www.castellidelducato.it

Il presente testo è autorizzato dal Sindaco di Alseno Davide Zucchi







Castello di Castelnuovo Fogliani

  • Località: Castelnuovo Fogliani, frazione di Alseno (PC)
  • Indirizzo: viale delle rimembranze 87, 29010 alseno (pc)
  • Contatti:
    TEL. + 39 02.7234.2415
    E-MAIL: info@castelnuovofogliani.it 
    WEB: www.castelnuovofogliani.it 
    Facebook: facebook.com/casafogliani
    Instagram: instagram.com/castelnuovofogliani

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate della cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta Annulla