Ponte dell'Olio

Località

Comune di Ponte dell'Olio (PC)

Periodo di apertura

tutto l'anno

Descrizione

Olio e ponte sono le due parole "magiche" che caratterizzano il toponimo Ponte dell'Olio in Emilia, paese della Val Nure, che si incontra lungo la Strada Provinciale 654. E subito si capisce che se c'è un ponte, c'è anche un corso d'acqua, come in effetti è, anzi due: il torrente Nure ed il torrente Riglio.

Ma perchè il borgo si chiama Ponte dell’Olio? Secoli fa nel territorio in questa area di collina c'erano magazzini per le olive provenienti dalla vicina Liguria, torchi per l'olio e mulini da grano. Il borgo era un importante snodo commerciale tra la pianura padana ed il versante sul mare.

All'ombra della cima del Monte Santo, il picco più alto a 677 metri di altitudine, arrivavano carovane di mercanti da entrambe le provenienze, che vendevano o scambiavano le loro merci: olive, olio, grano, farina, miele, formaggio, sale ad esempio.
 

Il Comune di Ponte dell'Olio è meta di escursionisti che amano camminare, scoprendo paesaggi nuovi in Appennino, tra boschi e delle colline ricche di vigneti. Prezioso sulla destra del torrente Nure sta il Castello di Riva di Ponte dell'Olio, di proprietà privata, in corso di restauro, di cui è visitabile ogni sabato pomeriggio (previa prenotazione anticipata: info@castellidelducato.it) dalle 15 alle 17 il loggiato e parte del parco, dunque soltanto un assaggio di bellezza in attesa della riapertura definitiva.


Il Comune di Ponte dell'Olio è entrato a fare parte del circuito Castelli del Ducato da fine febbraio 2022 con l'obiettivo di promuovere gli eventi e le manifestazioni del paese, gliitinerari escursionistici, i percorsi in mountain bike tracciati e le peculiarità da visitare sul website ed i social network della rete turistica culturale www.castellidelducato.it anche per lavorare in sinergia, secondo il modello del circuito, tra pubblico e privato per dare più visibilità al territorio.


Cosa si può vedere facendo un giro a Ponte dell'Olio? L'enogastronomia vale il viaggio in un tour goloso dove la Pancetta D.O.P., il Salame Cotto, le carni con contorno di funghi, ed i classicipisarei e fasö, anolini, tortelli con diversi condimenti sono le prelibatezze da degustare accompagnati dai rinomati vini bianchi e rossi delle cantine locali.
Poi gli appassionati di bicicletta e mountain bike in particolare potranno usufruire di tre percorsi, "In mountain bike nel Comune di Ponte dell’Olio”, con cartografia scaricabile e traccia GPS.

Nel borgo i turisti possono vedere la chiesa di San Giacomo con l’organo Sangalli del 1860, uno dei più prestigiosi della Val Nure. La Fornace a tre torri, testimonianza della tradizionale produzione di laterizi sviluppata nella prima era industriale: su questa area c'è un progetto ampio in divenire che desideriamo raccontare anche attraverso i Castelli del Ducato.


Dal territorio di Ponte dell’Olio, inoltre, comincia quello che è oggi "il più grande comprensorio dedicato agli sport outdoor” che vanta 560 km di sentieri (da percorrere a piedi, a cavallo o in mountain bike) tracciati nei territori di Ponte dell’Olio, Bettola, Farini eFerriere dove spicca il Castello Malaspina di Gambaro visitabile, dove si può anche pernottare.


Tre sono le tradizionali fiere: la Fiera della Pancetta Piacentina D.O.P. a maggio e la Fiera di San Rocco a Ferragosto; I Sapori del Borgo la seconda domenica di novembre.

 

Chiunque visita un Castello, un Borgo, Museo o un Luogo d'Arte ne diventa il Custode per Sempre.

 

 

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate della cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta Annulla