Castello del Piagnaro

Località

Comune di Pontremoli a 57 km da Massa, a 90 Km da Parma (MS)

Periodo di apertura

tutto l'anno

Descrizione

Il Castello del Piagnaro domina dall’alto il centro abitato di Pontremoli. La sua posizione non è casuale, bensì strategica e lungimirante, posto nel punto in cui la via di Monte Bardone risaliva verso il Passo della Cisa. Dalle sue mura è possibile godere dell’intera visione dell’abitato e della confluenza dei due corsi d’acque che sotto di lui scorrono placidamente: il torrente Verde ed il fiume Magra. Il suo nome altisonante e singolare deriva dalle piagne , lastre in pietra arenaria tratte da cave locali dal caratteristico colore grigio, che da sempre e ancora oggi, ricoprono il tetto del Castello, e il primo documento che riporta il suo nome "Planele” risale al 1262.

L’impianto architettonico è il risultato di più fasi edilizie realizzate in epoche diverse: si possono ammirare finestre gotiche risalenti al XIV secolo nella sede del Governatore, il mastio datato intorno al 1435 e ricostruito da Niccolò Piccinino, il corpo centrale che fu sede della caserma fino a metà del XIX secolo, fino agli spalti del XVIII secolo. Attraversò condizioni di forte degrado, ma il suo recupero cominciò quando si decise di adibirne una parte per la realizzazione del Museo delle Statue Stele lunigianesi.


Il Museo delle Statue Stele Lunigianesi "Augusto C. Ambrosi"

Nato nel 1975 per volontà del suo lungimirante fondatore, Augusto C. Ambrosi, nel 2015 è stato completamente rinnovato e riaperto al pubblico con un allestimento firmato dall'architetto Guido Canali. Riunisce 42 delle complessive 82 statue-stele finora conosciute e si avvale di strumenti multimediali per la comunicazione. Parte delle stele più antiche sono esposte nello scenario intatto della manica medievale, ove le tessiture murarie antiche in pietra fanno da cornice naturale a queste antiche sculture preistoriche, restituendo un effetto di grande suggestione. Un'emozione ancor maggiore si ha al piano superiore ammirando allineate le sette stele di Groppoli, visibili integralmente a luce radente e in un ambiente appositamente oscurato per ricreare l'antica sacralità delle pietre.


Pontremoli

La cittadina, posta alla confluenza del torrente Verde col fiume Magra, è di origine altomedievale e deve l'etimologia del proprio nome ponstremulus al vacillare del ponte che esisteva ancor prima dell'abitato, dovuto alle oscillazioni della struttura costruita in legno e cordami. E' ricordata la prima volta quale tappa lungo la strada francigena nel diario di viaggio di Sigerico, vescovo di Canterbury in ritorno da Roma nell'anno 990. Nel XIII secolo fu libero Comune mentre dal XIV fino alla metà del XVII fu governata da numerose e importanti famiglie, dai Fieschi a Castruccio Castracani degli Antelminelli, dai Visconti agli Sforza, dai Pallavicino ai Noceti, fino all'acquisto da parte del Granduca di Toscana. Tra 1849 e 59 fece parte del Ducato di Parma e Piacenza come sede di Provincia(Lunigiana parmense).


Percorso di visita del Castello:

La visita "classica” del Castello del Piagnaro inizia con l’immergersi nel Museo delle Statue Stele che permette d’incontrare questo misterioso Popolo di pietra, prima in maniera emozionale, poi in maniera didattica. La pietra delle Stele si contrappone a quella delle mura del Castello in un gioco di chiaroscuri creato dall’uso sapiente delle luci così da trasportare il visitatore in una vera e propria galleria del tempo che va dal 3000 a.C. fino al XVIII secolo d.C. Salendo al primo piano del Museo si possono conoscere gli studiosi delle Stele lunigianesi per giungere poi a conoscere e toccare i tre tipi delle stesse (A, B e C) e a vedere il territorio della loro diffusione. Segue la sala delle "Sette sorelle” (Stele di Groppoli) e poi i filmati dei protagonisti dei ritrovamenti. Infine le Stele più recenti di tipo C e il corredo funebre del guerriero di Pulica.

La visita del Castello continua entrando nella prima piazza dove è posto il pozzo e la cappella cinquecentesca dedicata a S. Geminiano dove è custodita l’antica architrave del Palazzo dei Vescovi di Brugnato del Rione pontremolese di S. Pietro. Si sale quindi alla terrazza da cui si può ammirare il "lungo” borgo di Pontremoli e il suo territorio circostante. Si passa infine alla seconda piazza dove, nelle antiche stanze della guarnigione, sono collocati la foresteria, che permette di "pernottare nella storia”, e il maschio, la torre sentinella della "Porta di Toscana”.

La Storia

Il Castello del Piagnaro è la fortezza sorta in questo punto strategico a tutela dei passi appenninici e intorno al quale si formò il primo nucleo dell’oppidum medievale, importante centro viario. E’ probabile che la prima fortificazione eretta, una semplice torre, risalga alla prima metà del X secolo. Nella sua storia millenaria frequenti sono state le distruzioni e le conseguenti ricostruzioni che lo hanno portato al suo aspetto attuale. Il Castello ha mantenuto la funzione militare fino alla fine del XVIII secolo. Da sede di Governatori militari nei periodi delle dominazioni milanese-spagnola e fiorentina, diventò caserma di soldati fino ai primi anni del Regno d’Italia, quando fu ridotto ad abitazione di famiglie non abbienti e sede di scuola elementare. Oggi è sede del Museo delle Statue Stele "Augusto Cesare Ambrosi”

In breve del Borgo

Definita nel Medioevo "unica chiave e porta della Toscana", già libero Comune, Città nobile del Granducato di Toscana e Sede Vescovile, Pontremoli è un importante centro della Lunigiana storica, ricco di storia, cultura e tradizioni.

Il nome della città potrebbe derivare dalla presenza di un "pons tremulus", un ponte tremolante non solo perché di legno ma anche perché soggetto a distruzioni per le frequenti piene del fiume Magra. Il territorio del Comune di Pontremoli è molto vasto ed ha una superficie di 182 Km² che lo pone, per estensione, tra i più grandi Comuni italiani. Si estende ai piedi dell'Appennino Tosco Emiliano all'estremo nord della Lunigiana toscana e si collega alle vallate confinanti tramite i passi appenninici della Cisa, del Borgallo, del Bratello, del Cirone.

Il suo centro storico si snoda tra suggestivi vicoli stretti ed è arricchito da caratteristici palazzi barocchi. Sorto tra i due corsi d’acqua che ne delimitano l’area abitata, si è sviluppato seguendo proprio l’andamento del torrente Verde e del fiume Magra, fino alla sua sommità, il Castello del Piagnaro. Attraversato dalla Via Francigena, è un centro medioevale ben curato dove si possono ammirare splendidi palazzi nobiliari e chiese di stile barocco. Passando sotto la Torre di Castruccio, detta il Campanone, divenuto nei secoli simbolo indiscusso del territorio, tra piazza della Repubblica e Piazza del Duomo, si possono trovare ancora vecchie botteghe storiche grazie alle quali compiere un suggestivo ed emozionante salto nel tempo.



Museo delle Statue Stele; la prima piazza con il pozzo e la cappella cinquecentesca dedicata a San Geminiano con l’antica architrave del Palazzo dei Vescovi di Brugnato del Rione pontremolese di San Pietro; la terrazza da cui si può ammirare il "lungo” borgo di Pontremoli e il suo territorio circostante; la seconda piazza e le antiche stanze della guarnigione; la foresteria e il mastio, la torre sentinella della "Porta di Toscana”.

Meeting

La sale convegni nel Castello del Piagnaro sono situate nella parte più a nord della Fortezza.
Ideale per meeting, convegni, incontri di studio, riunioni di lavoro, feste, cerimonie, cene di gala e wedding, è allestita in maniera semplice e suggestiva, in modo tale da permettere l’ambientazione degli eventi più svariati. Ha una superficie di 75 mq e può ospitare circa cento persone.
Presente e a disposizione un’ampia cucina professionale e attrezzata, utilizzabile per servizi di catering.
Attrezzatura e servizi: non sono presenti in loco utensili da cucina.

Wedding

Il Castello del Piagnaro è location per ricevimenti di matrimonio e feste private, rese uniche dalla spettacolare vista che dalle sue mura si può ammirare. Location ideale per un matrimonio indimenticabile, reso unico dalla bellezza delle mura, dalla magia dei suoi ampi spazi e dal fascino che un’unione tra le mura di un Castello come quello del Piagnaro può creare. È possibile celebrare solo rito civile.

Orari

Orari del Castello
Dal 1 ottobre al 31 maggio

Apertura dalle 9.30 alle 17.30 con orario continuato.

Aperture straordinarie nel giorno di Pasquetta o in caso di ponti e festività.

Dal 1 giugno al 30 settembre

Apertura dalle 10 alle 18.30 tutti i giorni in orario continuato.

Mese di agosto

Apertura dalle 10 alle 19.30 in orario continuato ogni giorno.

Ingressi

Ingressi
Percorso completo: Euro
Ragazzi (dai ** ai ** anni): Euro
Gruppi (min. ** persone): Euro
Scolaresche: Euro
Scontistiche - Convenzioni:


Percorso parziale: Visita del Museo delle Statue Stele o della sola struttura del Castello.

Attività didattica: sono a disposizione di scolaresche e gruppi numerosi laboratori ambientati all’interno del Castello del Piagnaro.
Presente sul sito internet del Comune www.comune.pontremoli.ms.it la brochure completa suddivisa per fascia d’età.

Agevolazioni:
Ridotto Card del Ducato, F.A.I., T.C.I Art'é e PleinAir sconto Euro 1,00 su percorso completo e parziale
Sconto per i tesserati CamperLife: 1 Euro sul biglietto d'ingresso non cumulabile con altre tessere o sconti.
Sconto per i possessori della Student Card dell'Università di Parma: 1 Euro sul biglietto d'ingresso non cumulabile con altre tessere o sconti.

Servizi

Visite in lingua straniera (su prenotazione)
Book-shop
Servizi disabili: ascensore per disabili sia interno al Museo che per raggiungere il Castello.
Guardaroba
Spazio bimbi (su prenotazione)
Visite a tema al Castello e al paese (su richiesta)
Castello del Piagnaro è Pet Friendly: sono ammessi cani di piccola e media taglia.


loading map ...

Contatti

TELEFONO: +39 0187831439
E-MAIL: info@statuestele.org
WEB: www.statuestele.org

In evidenza

  • Falò di San Geminiano

    Il secondo dei due falò che in un’appassionante disfida si contendono il titolo di falò più bello e ben riuscito. Una tradizione che riesce ancora a coinvolgere l’intero tessuto cittadino e che scalda gli animi e il cuore dei due rioni che si contendono il titolo.

    mercoledì 31 gennaio

    Vai al dettaglio

  • SAN VALENTINO TOUR DAY: ALLA SCOPERTA DEI PRODOTTI TIPICI DI PONTREMOLI

    Il tour enogastronomico più divertente d’Italia: Dodici tappe alla scoperta dei prodotti tipici di Pontremoli, tra testaroli, torta d’erbi e Amor, per trascorrere una giornata tra gusto e competizione.

    Da sabato 10 febbraio a domenica 11 febbraio

    Vai al dettaglio

  • CARNEVALE TOUR DAY: TOUR ENOGASTRONOMICI ALLA RICERCA DEI PRODOTTI TIPICI DI PONTREMOLI

    Il tour enogastronomico più divertente d’Italia torna nell’edizione di Carnevale. Dodici tappe alla scoperta dei prodotti tipici di Pontremoli, tra testaroli, torta d’erbi e Amor, per trascorrere una giornata tra gusto e competizione.

    Da sabato 10 febbraio a domenica 11 febbraio

    Vai al dettaglio

  • BANCARELFIORE

    Una fiera tra fiori e profumi, che nell’ultimo fine settimana di aprile invade le vie del Comune di Pontremoli di vivaci colori e intensi aromi.

    Da sabato 21 aprile a domenica 22 aprile

    Vai al dettaglio

  • UN BORGO DA SFOGLIARE

    Nel contesto del Premio Bancarellino, una settimana improntata sull’amore per il libro e per la lettura. L’intero centro storico diventa un laboratorio a cielo aperto in cui imparare divertendosi.

    Da venerdì 18 maggio a sabato 26 maggio

    Vai al dettaglio

  • PREMIO BACARELLINO 2018

    Nell’ambito del prestigioso Premio Bancarella, il Premio Bancarellino è rivolto alle giovani generazioni. Una giornata dedicata alla letteratura e all’amore per il libro a Pontremoli

    sabato 26 maggio

    Vai al dettaglio

La Card del Ducato

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate della cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta Annulla